Impepata di Cozze

20 aprile

L'impepata di cozze o a' mpepata 'e cozze è un antico piatto della cucina regionale campanain molti ristoranti a Napoli si prepara semplicemente facendo aprire le cozze in pentola con un bicchiere d'acqua, viene aggiunto poi il pepe e servita in tavola con spicchi di limone.


In passato veniva considerato un piatto povero e consumato prevalentemente nelle regioni del Sud Italia, deve la sua fama al cuoco salentino Vincenzo Corrado che lo inserì nel suo libro di ricette Il Cuoco galante e da allora si diffuse in tutte le regioni e in molti ristoranti d'Italia. Anche se la ricetta originale non lo prevede è molto in uso la variante con i pomodorini che vanno aggiunti agli spicchi d'aglio rosolati prima di unire le cozze. In sostituzione del vino è possibile utilizzare del succo di limone.

Tempo di preparazione: 
40 minuti
Ingredienti per 4 persone:
kg 2 di cozze
2 spicchi d'aglio
1 mazzetto di prezzemolo tritato
1/2 bicchiere di vino bianco
olio extravergine d'oliva
pepe nero
pane casereccio

Procedimento:
Pulite le cozze sotto acqua corrente, raschiate il guscio con un coltellino e ripassatele con una spugnetta abrasiva, privatele del bisso (il baffetto interno) tirandolo con decisione dall'alto verso il basso. Eliminate le cozze rotte o parzialmente aperte. Se le acquistate già lavate in pescheria privatele semplicemente del bisso e risciacquatele sotto acqua corrente.
In un tegame fate imbiondire in 3-4 cucchiai d'olio gli spicchi d'aglio spellati, abbassate la fiamma e unite le cozze, alzate nuovamente la fiamma e, non appena si saranno schiuse, sfumatele con il vino e lasciatelo evaporare. Spolverizzate con abbondante pepe e il prezzemolo tritato e spegnete il fuoco. Mescolate bene in modo da consentire al pepe e al sugo di cottura di amalgamarsi alle cozze. Servite con fette di pane casereccio abbrustolito.


Leggende:
La leggenda narra che Ferdinando I di Borbone, re di Napoli, fosse golosissimo di pesce e di frutti di mare, in particolare di cozze che pescava lui stesso nelle acque a ridosso di Posillipo e pretendeva che le venissero cucinate a mestiere, cioè in maniera sontuosa. Un giorno venne ammonito dal frate domenicano Gregorio Maria Rocco che gli consigliò di non eccedere con i peccati di gola se non altro durante la settimana santa, non volendo però rinunciare al suo piatto preferito il re chiese ai propri cuochi di creare una versione meno elaborata, nacque così l'impepata.



Potrebbero Interessarti Anche

18 commenti

  1. un piatto che adoro e che è tipico , anche di Messina. del resto la cucina campana e siciliana hanno mille punti in comune....il Regno delle Due Sicilie docet....bravissima mia cara e complimenti per il nuovo blog!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Mimma, è sempre un onore ricevere i complimenti dalla maestra .. tu sei una cuoca super!
      Baci.

      Elimina
  2. Cara Mimma mi dispiace deluderti, ma non è un piatto che fa per me!!!
    Ciao e buna giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. é muito saboroso comer um prato tão ricamente saudável !!
    grande abraço !!
    :o)

    RispondiElimina
  4. Un piatto stupendo, realizzato ad arte, bravissima, ti abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Ne ho mangiate tante di a' mpepata 'e cozze per anni di seguito vacanze a Sapri dal nostro amico ristoratore, scorpacciate. Ne ho ancora voglia.... ciaooo buona serata.

    RispondiElimina
  6. Carissima Marina sai che non ho mai assaggiato questo piatto?Eppure le cozze le ho assaggiate preparate secondo le ricette più varie!;).
    La tua ricetta e' gustosissima,favolosa,non immagini quanto le vorrei assaggiare,e tu l'hai realizzata a regola d'arte,bravissima come sempre!!:)).
    Un bacione:)).
    Rosy

    RispondiElimina
  7. Un classico intramontabile!!!
    A me piace accompagnato da una montagna di patate fritte!!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Adoro l'impepata! Un pentolone solo per me! Grazie ;) Un bacione

    RispondiElimina
  9. buonissima, non si finirebbe di fare inzuppo nel saporoso liquido che fanno le cozze...

    RispondiElimina
  10. Che piatto meraviglioso, se lo vede mio marito impazzisce!
    Un caro saluto da Gabry

    RispondiElimina
  11. Che bel piatto, una vera delizia, semplice, saporita e squisita! Il pane nero è un tocco straordinario, semplice e rustico.
    Grazie per questa fantastica ricetta!
    Buona serata e cari saluti,
    Flo

    RispondiElimina
  12. Che voglia di mare con questa impepata!!!

    RispondiElimina
  13. Noi abbiamo mangiato e postato da poco la zuppa di cozze. Anche l'impepata ha il suo perchè....che voglia!

    RispondiElimina
  14. Preparata sabato scorso e spazzolata alla velocità della luce!!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  15. Buonissima, è un grande peccato di gola anche per me. Del resto Franceschiello lo avevamo pure noi in Calabria. Serena domenica

    RispondiElimina
  16. Grazie della visita nel mio blog che ho ricambiato con grande piacere! Non amo le cozze ma mio marito adora l'impepata, quindi non mi resta che prendere appunti e replicare ^_^
    Buona settimana e a presto!

    RispondiElimina

Disclaimer Blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001.
Non è consentita la pubblicazione o riproduzione, anche parziale, senza il consenso esplicito dell'autore.
Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.


le mie ricette su

Top blogsdiricette

trova ricetta

Paperblog
Gustosa Ricerca - ricette di cucina e motore di ricerca di ricette
Scarica Curriculum

Archivio Blog