Cisra'

02 novembre

Questo è un piatto tradizionale tipico della cucina povera piemontese dalle origini molto antiche. Fin dal 1600 nel paese di Dogliani, situato nelle Langhe, in occasione della festa dei Santi veniva offerta questa zuppa, a base di ceci e trippa, ai pellegrini che percorrevano a piedi chilometri per partecipare alle funzioni religiose.


Questa tradizione ha dato origine a una Fiera a livello nazionale che si ripete ogni anno il 2 novembre.
Tempo di preparazione: 
4 ore più il tempo di ammollo dei ceci (almeno 12 ore)
Ingredienti per 4 persone:
g 300 di ceci secchi 
g 400 di trippa oppure g 200 di cotenna di maiale
1 spicchio d'aglio 
1 cipolla
2 carote
2 coste di sedano 
2 patate
2-3 foglie di cavolo verza
5 cucchiai d'olio d'oliva
1 ciuffo di salvia e rosmarino
2 cucchiai farina bianca
sale e pepe

Procedimento:
Mettete a bagno, in abbondante acqua i ceci la notte prima o per almeno 12 ore. Tagliate a rondelle sottili la cipolla, le carote, il sedano, le patate e il cavolo.
In una casseruola scaldate 5 cucchiai d'olio e fatevi rosolare le verdure con lo spicchio d'aglio spellato, la salvia e il rosmarino. Fate soffriggere il tutto per 5 minuti e aggiungete la trippa tagliata a pezzi o la cotenna di maiale, fate rosolare per qualche minuto e unite i ceci risciacquati e scolati.
Coprite il tutto con acqua e portate a bollore, aggiungete un pizzico di sale, una macinata di pepe e qualche cucchiaio d'olio. Fate cuocere a fiamma bassa, con il coperchio leggermente scostato, per almeno 3 ore, mescolando di tanto in tanto e aggiungendo, se necessario. altra acqua calda. Servite la zuppa calda con fette di pane casereccio abbrustolite.

Potrebbero Interessarti Anche

7 commenti

  1. Grazie per le interessanti informazioni e la gustosa ricetta, mi piace molto conoscere questi bei piatti della tradizione regionale!!!
    Baci

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questa tradizione, gustoso questo piatto con ceci e trippa!!!
    Buona giornata, baci<3

    RispondiElimina
  3. Ceci e trippa, molto gustoso questo piatto, annoto la ricetta, grazie!!!!!

    RispondiElimina
  4. Mai visto questo piatto prima, è davvero interessante... brava portare avanti le tradizioni!!!
    p.s. ti aspetto da me con un golosissimo contest!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, passerò volentieri.

      Elimina
  5. Non conoscevo questo ricco piatto, quanto mai adatto alle fredde giornate che stanno arrivando!!!

    RispondiElimina
  6. Complimenti per il blog ,ogni ricetta è spiegata con grande cura di vede quanta passione hai per la buona cucina,mi sono unita ai tuoi lettori fissi se vuoi venire A trovarmi mi trovi quihttp://ricette-stregate.blogspot.it

    RispondiElimina

le mie ricette su

Top blogsdiricette

trova ricetta

Paperblog
Gustosa Ricerca - ricette di cucina e motore di ricerca di ricette
Aggregatore

Disclaimer Blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7-03-2001.
Non è consentita la pubblicazione o riproduzione, anche parziale, senza il consenso esplicito dell'autrice.
Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autrice del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.