Castagnaccio

07 febbraio

Il castagnaccio è una torta di farina di castagne tipica delle zone appenniniche della Toscana, molto diffusa anche in Liguria, Piemonte ed Emilia; era un piatto povero diffusissimo in passato sopratutto per la reperibilità delle castagne che erano alla base dell'alimentazione contadina.


E' un dolce tipicamente autunnale che si ottiene cuocendo in forno un impasto a base di farina di castagne, acqua, olio d'oliva, rosmarino, pinoli e uvetta. Alcune varianti prevedono l'aggiunta di scorze d'arancia, semi di finocchio o frutta secca. 
Tempo di preparazione: 
1 ora
Ingredienti per 6-8 persone:
g 200 di farina di castagne
5 cucchiai di olio d'oliva
3 dl (30 cucchiai circa) di acqua fredda
1 manciata di pinoli
1 manciata di uvetta sultanina ammollata in acqua
foglie di rosmarino e sale  

Procedimento:
Versate la farina di castagne in un terrina, aggiungete un pizzico di sale e 2 cucchiai d'olio d'oliva, unite, poca alla volta, l'acqua mescolando con un cucchiaio fino a ottenere un impasto molle e senza grumi.
Ungete con olio d'oliva o foderate con carta forno una tortiera bassa e larga almeno 26 cm (la più indicata sarebbe di rame stagnato) e versatevi il composto.
Cospargete la superficie con il rosmarino, i pinoli, l'uvetta strizzata ed asciugata e irrorate il castagnaccio con 3 cucchiai di olio d'oliva, fate cuocere nel forno caldo a 220° per 30 minuti o finché diventerà di colore bruno e sulla crosta si saranno formate delle crepe.

Tradizioni: 
Il castagnaccio veniva preparato tradizionalmente nel giorno di Ognissanti e della commemorazione dei defunti, oggi è stato riscoperto ed è un classico nelle bancarelle dei dolci delle sagre paesane autunnali.

Potrebbero Interessarti Anche

4 commenti

  1. la mi mamma, pisana (pontederese per precisione) lo adora. ti seguirò volentieri! grazie per essere passata da me e avermi permesso di conoscerti ^^

    RispondiElimina
  2. Grazie a te Aline è un piacere conoscerti. A presto!

    RispondiElimina
  3. in lucchesia il castagnaccio viene fatto semplicemente aggiungendo acqua alla farina, poi messo in una teglia ben unta di olio evo, versato il composto e sopra chi mette rosmarino e noci o semplicemente pinoli. Viene mangiato da solo o accompagnato da ricotta o stracchino! complimenti per il blog
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo, benvenuta! E' sempre un piacere conoscere le diverse varianti della nostra meravigliosa cucina, grazie mille. A presto!

      Elimina

le mie ricette su

Top blogsdiricette

trova ricetta

Paperblog
Gustosa Ricerca - ricette di cucina e motore di ricerca di ricette
Aggregatore

Disclaimer Blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7-03-2001.
Non è consentita la pubblicazione o riproduzione, anche parziale, senza il consenso esplicito dell'autrice.
Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autrice del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.